PANEL SANGUE MISTO | GRIOT E JAZZ:RE:FOUND

La potenza, la forza del capitale culturale che gli afroamericani hanno costruito e stanno ancora costruendo attraverso la musica – hip hop, rnb, jazz, blues, soul – le lotte politiche e sociali, la creazione di un universo a cui oggi, come ieri, attingono in molti, la vediamo tutti i giorni e ha un valore inestimabile: affascina, attrae, educa, ispira.

È difficile incontrare un italiano che non sappia chi fossero James Brown, Malcom X, Martin Luther King. Chi siano Rihanna o Beyoncé. Più facile amare quelle di lotte. Quegli altri, di neri. Più facile incontrare un tuo connazionale che non conosca le sfide culturali e sociali che anche noi italiani, o afroitaliani, o italiani-africani, o africani-italiani, o neri italiani, stiamo affrontando. Più facile incontrare qualcuno che nella tua diversità fatichi a riconoscere la tua italianità. Più facile avere un paese il cui intero impianto culturale e politico ogni giorno fatichi a includere la tua presenza, la tua diversità, le tue qualità, nel ricco bagaglio culturale di questo paese. Con delle eccezioni che fanno sperare in meglio e sulle quali bisogna continuare a lavorare. X-Factor, Sanremo, per esempio.

Quest’anno noi di GRIOT, un magazine, un collettivo, e una piattaforma creativa che celebra la diversità estetica, creativa e culturale, e le storie ad esse connesse di afrodiscendenti e altre culture dall’Italia e dal mondo, abbiamo deciso di realizzare su invito di Jazz:Re:Found festival (29 novembre – 3 dicembre) due appuntamenti che nel loro piccolo vogliono contribuire ad illuminare storie, persone, realtà, eccellenze creative che rappresentano anch’esse l’Italia contemporanea, un’Italia invisibile alla maggioranza di tutti gli italiani: Sangue Misto – Appuntamento ai Marinai e Sangue Misto – Sound, Identità, Rappresentazione.
Dopo un primo evento ideato e organizzato dal festival nel 2016, dal titolo Stay Black!, evento al quale abbiamo partecipato in qualità di relatori insieme all’editor-in-chief di Afropunk, Lou Constant-Desportes, e ad altri autorevoli ospiti, tra cui i giornalisti Damir Ivic (Soundwall), moderatore del panel, e Federico Sardo (Noisey Italia), quest’anno insieme a Jazz:Re:Found punteremo i riflettori sull’Italia, sempre attraverso la musica e la cultura, ma più a chilometri zero. Si gioca in casa finalmente.

Un’occasione dove saremo protagonisti, testimoni diretti di questa contemporaneità italiana un po’ anomala. E siamo felici che Jazz:Re:Found ci abbia scelti, abbia deciso di accompagnarci in questa sfida culturale, una sfida che è di tutti, una sfida che oggi come oggi ha bisogno di più forze in campo, e diverse, per diffondere cultura e fronteggiare i continui rigurgiti di odio e paura del diverso, per portare a casa dei risultati concreti.
Insieme a GRIOT ci saranno Michele, fondatore e direttore creativo del collettivo di curatela musicale Crudo Volta, e Cedric Kibongui, dj e organizzatore di concerti, che abbiamo invitato per costruire insieme l’appuntamento dedicato alla musica.

Sangue Misto – Appuntamento ai Marinai e Sangue Misto – Sound, Identità, Rappresentazione vedono la partecipazione di alcuni  artisti e cultural producer emergenti del panorama musicale, culturale italiano contemporaneo.

Sangue Misto – Appuntamento ai Marinai

Appuntamento ai Marinai (Italia, 2017) è un documentario sulle seconde generazioni di italiani con origini eritree di Milano, scritto e diretto dall’antropologa e sociologa milanese di origini eritree Ariam Tekle, alla sua prima esperienza alla regia. Partendo da temi quali integrazione, inclusione, cittadinanza, identità, migrazione all’estero, la Tekle tratteggia storie che pongono l’accento anche sulla musica, elemento chiave di condivisione e unione. Dopo la proiezione, in anteprima italiana, è previsto un momento di dibattito con la partecipazione della stessa Ariam Tekle, in diretta Skype da
New York, dove attualmente sta presentando il suo documentario.

Sangue Misto – Sound, Identità, Rappresentazione

Il secondo appuntamento di Sangue Misto è un momento di incontro con diversi artisti attivi nella scena musicale italiana: David Blank, Tommy Kuti, MudimbiTechnoirVhelade. L’obiettivo dell’incontro è esplorare, tra i vari topic, il loro percorso artistico, l’influenza della loro identità nel processo creativo, i motivi per cui in Italia non esistano sottogeneri musicali “autoctoni” di matrice africana (come succede ad esempio in Inghilterra con il Grime, in Francia con l’Afrotrap o il Coupé-Decalé, o in Portogallo, con il Kuduro e l’Afro-house,) e se anche qui in Italia abbiamo bisogno di festival, piattaforme in grado di rappresentarci in maniera più massiccia, come l’Afropunk Festival.
Il panel sarà introdotto da Johanne Affricot, e moderato da Michele e Cedric Kibongui.
Da domani potrete collegarvi sul sito di Sangue Misto dove troverete tutti i dettagli dei due appuntamenti, compreso il programma.

Seguite tutti gli aggiornamenti sulla pagina facebook Griot Italia e spargete il verbo.

Dove e Quando 
Sangue Misto

1 – 2 Dicembre (18:00 e 14:30)
c/o Bellissimo, Via Regaldi 7 – int 12/a

La Venue principale del Festival è cambiata! I concerti main saranno tutti al Supermarket Club